Leggi in 2

L’Università di Foggia ha diffuso un Bando di ammissione al Master di I Livello in “Trattamento osteopatico delle disfunzioni somatiche -la colonna vertebrale-” A.A. 2015/2016, aperto non solo agli operatori sanitari, ma anche ai laureati in Scienze motorie. L’A.I.FI. Puglia chiede che i criteri di ammissione al Master siano rivisti alla luce del Decreto Legislativo n.178 dell’8.5.1998 (istituzione del Corso di laurea in scienze motorie), che sancisce che i laureati in Scienze Motorie NON sono abilitati all’esercizio delle attività professionali sanitarie.
Il Master – afferma il Presidente A.I.FI. Puglia Dott. Eugenio D’Amato – si legge nel bando, intende fornire ai corsisti le conoscenze necessarie per potere svolgere attività nella prevenzione, valutazione e risoluzione dei disturbi della colonna vertebrale generati da disfunzioni somatiche neuro-muscolo-scheletriche”, attività squisitamente sanitarie, come ha avuto modo di chiarire il Ministero della Salute rispondendo ad un’interrogazione parlamentare sull’argomento”.
Il Ministero ha le idee chiare: l’osteopatia può essere esercitata solo da professionisti sanitari. Ne consegue che chiunque pratichi osteopatia senza essere in possesso di una laurea sanitaria stacommettendo il reato di esercizio abusivo di professione sanitaria.
Nell’interesse dei Cittadini quindi, solo i Professionisti sanitari che hanno conoscenze e competenze per occuparsi della salute degli Utenti possono praticare le attività sanitarie e cercarne la validazione scientifica. La tutela del paziente prima di tutto.
L’Associazione dei Fisioterapisti ha già spiegato dettagliatamente all’Università di Foggia, in una nota del 25 aprile 2015, le giuste condizioni di accesso al Master, tenendo come riferimento la legislazione italiana. Alla luce del bando pubblicato, ritiene inconcepibile che una Università Italiana consenta di generare confusione sugli accessi ai Master Sanitari. Il rispetto della legge è fondamentale per tutti, cittadini come istituzioni.

L’Aifi Puglia di recente ha dovuto contestare all’Uni Foggia anche l’organizzazione di un corso teorico pratico – “Rieducazione Motoria”, destinato a “Studenti e Laureati in Scienze Motorie (o diplomati Isef), Medicina, Fisioterapia, Professioni Sanitarie; Istruttori e Tecnici delle Federazioni Sportive/Enti di Promozione Sportiva”, a dispetto della normativa vigente che, si ribadisce, non consente ai laureati in Scienze motorie di esercitare attività sanitaria. Il suddetto corso è stato al momento rinviato.
L’A.I.FI. Puglia non intende consentire il non rispetto della legge ed è pronta, supportata dalla sua dirigenza nazionale, a proseguire nella richiesta di modifica dell’accesso al Master.

Il Presidente Regionale

Eugenio D’Amato